DISTURBI TRATTATI CON NAET

1. Disturbi autoimmuni


Ci sono tanti tipi di disturbi autoimmuni, a tanti livelli. Se non si trova la causa, le analisi mediche non indicano patologie, ma il paziente ha dei sintomi di malessere fisico o fisiologico, siamo in presenza di un disturbo autoimmune. Spesso, tutte le analisi sono normali, ma se testiamo col metodo NAET, scopriamo che questi pazienti soffrono di tante sensibilità dovute agli alimenti che consumano abitualmente. Le sensibilità non sono molto forti sulla scala delle allergie, ma abbastanza per creare problemi. Probabilmente sono leggere, ma tutte insieme, dovute agli alimenti consumati quotidianamente, portano ad uno stato di malessere.

2. Squilibri della memoria cellulare

Ogni cellula si comporta come un intero organismo, che quando si ammala reagisce scatenando una reazione del proprio sistema immunitario per contrastare l'attacco. Nello stesso modo le cellule interessate dalla malattia reagiscono per recuperare il miglior equilibrio possibile.

Per fare questo alcuni organelli (che normalmente sono in fase di stasi) si attivano, favorendo una determinata reazione chimica. Però se la cellula è molto malata, e lo è da molto tempo, la sua memoria si è adattata alla malattia, per cui questa non è riconosciuta più come tale, anzi è diventata la norma, e quindi non vede la necessità di attivare le proprie difese.

NAET si occupa degli squilibri della memoria cellulare e li corregge per restituire la salute al paziente. 

3. Disturbi otorinolaringoiatrici


Questi disturbi spesso sono di natura allergica. Se andate da un otorino, in primis cercherà le allergie che stanno alla base di questi disturbi. Rinite allergiche, rinosinusite allergiche, oculo-rinite allergica, astma bronchiale, tosse, bronchite,  enfisemi, sinusite e altri tipi di problemi respiratori. 

4. Problemi vascolari e circolatori     


I disturbi circolatori partono dalle vene varicose, dalle arterie ostruite, arteriosclerosi, colesterolo alto, trigliceridi alti, emocromo e allergia alle componenti del sangue, come aumento o riduzione del livello delle piastrine, ecc. Possono essere dovute ad un’allergia al cibo o qualcosa dell’ambiente.

6. Patologie dell’apparato uro-genitale  

Tante persone soffrono di infertilità e NAET li può aiutare. Abbiamo qualche bambino nato a seguito del trattamento NAET. Ci sono anche problemi renali, urinali, infezioni, infiammazioni, cistiti, calcoli renali, calcoli biliari, ecc. Un grande numero di persone che soffrono di basso libido. 

9. Malattie infettive  

Tante persone soffrono di raffreddore, sintomi dell’influenza, infezioni batteriche severe, infestazioni parassitiche o la malattia di Lyme. Con NAET individuiamo le allergie ai virus, batteri, parassiti o zecche. L’organismo resiste in qualche modo alla presenza delle infezioni batteriche o virali o alle associazioni fra esse, quindi dobbiamo bilanciare le energie che vengono compromesse da questi elementi. Una volta che riconosciamo le allergie e l’organismo si adegua a questi co-abitanti che sono presenti ovunque, la persona non avrà più reazioni allergiche quando verrà a contatto con questi fattori.

Una volta sotto controllo i disturbi infettivi,  l’organismo non soffrirà più di influenza, raffreddore, attacchi virali, ecc. Le persone intorno a voi saranno raffreddate o influenzate ma voi sarete immuni, anche se state a stretto contatto con loro. Quindi il bilanciamento delle connessioni energetiche con i fattori ambientali è molto importante. Non solo con gli alimenti e le bevande, ma qualsiasi altro organismo, fattore chimico, ecc. Siamo sempre a contatto con batteri, parassiti e virus. Solo per alcune persone sono dannose, non per tutte. Perché in qualche modo il loro organismo ha trovato il modo di farseli amici quindi non si ammalano.  Una volto creato il giusto equilibrio, tutti possono avere una vita più sana.


5. Disturbi    gastrointestinali


Si possono trattare con NAET disturbi come nausea, vomito, ulcera, gonfiore, dolori addominali, diarrea, dissenteria, morbo di Crohn, intestino irritabile, sindromi dell’intestino ileocecale, ecc.

7. Disturbi ghiandolari


La tiroide, l’ipofisi, le ovaie, ecc. Si presuppone che queste ghiandole contengano la giusta quantità di ormoni o secrezioni ma per qualche ragione questo processo fisiologico non avviene. Il motivo principale sarebbe che non assorbono i nutrienti sufficienti per l’organismo, per produrre gli ormoni, l’insulina, tiroxina, ecc. Quindi se l’organismo non produce o non assorbe dagli alimenti questi nutrienti per colpa di allergie o sensibilità, non si producono gli ormoni adeguati, necessari al buon funzionamento dell’organismo. Allora il risultato può essere: diabete, sovrappeso, stanchezza, insufficienza surrenalica, perdita o aumento di peso. Quindi, la risposta semplice è: cercare le allergie che generano questi problemi e una volta individuate e risolte, l’organismo riprenderà a funzionare normalmente. 

8. Disturbi del sistema immunitario

Questi disturbi assomigliano a quelli autoimmuni ma in un modo diverso. In questo caso sappiamo quale è la parte debole. Può darsi qualche infezione batterica che provoca l’indebolimento del sistema immunitario o qualche alimento che provoca: osteoartrite, artrite reumatologica, lupus,  sindrome fibromialgica di Sjogren, la sindrome della stanchezza cronica, HIV, alcuni tipi di cancro, e tanti altri problemi che sono causati da intolleranze, sensibilità e allergie. Il mal-assorbimento dei nutrienti dovuto alle allergie può abbassare le difese immunitarie e portare a disturbi. Una volta identificate si possono curare.

10. Dolori alle articolazioni


Tante persone soffrono di artrite che generano dolore e scarsa mobilità a livello delle articolazioni del corpo. L’artrite è il risultato delle allergie a lungo termine a vari fattori come: alimenti, ambiente, sensibilità. Per questo motivo l’organismo non assorbe i nutrienti essenziali dalla dieta quotidiana, il che porta all’osteoporosi e articolazioni deboli. Se il corpo presenta un’area debole, dovuta ad un incidente o ad uno stato nutrizionale sbilanciato, un attacco allergico da qualsiasi fonte, interesserà esattamente quella parte debole del vostro organismo. Se l’area debole è l’articolazione del ginocchio, e la persona consuma piccole porzioni di allergeni alimentari, indossa abbigliamento allergenico, prende raffreddore o influenza, il ginocchio incomincerà a far male. Quindi è importante prendersi cura delle allergie nutrizionali prima di tutto per mantenere un sistema articolare sano. 

16. Allergie al pelo degli animali


L’antigene è presente soprattutto nella saliva, nelle ghiandole sebacee e nelle cellule cutanee, e l’animale lo distribuisce su tutto il pelo leccandosi. Gli allergeni degli animali domestici si legano, come altri allergeni aerogeni, alle particelle di polvere e, secondo le dimensioni di queste particelle, restano sospesi per ore nell’aria prima di depositarsi a terra. Attaccati ai capelli e agli abiti delle persone, finiscono anche in locali in cui normalmente non entrano animali. Ecco perché nelle aule scolastiche, nelle camere d’albergo, nei cinema, sui mezzi di trasporto pubblici ecc. si rilevano elevate concentrazioni di allergeni animali. Può quindi accadere che una persona abbia una reazione allergica anche in assenza di animali.

L’allergia può manifestarsi con disturbi come raffreddore, congiuntivite, forte asma. In singoli casi, la persona può avere persino una reazione di shock. I graffi di gatti e cani possono provocare irritazioni e gonfiori della pelle di natura allergica.

12. Disturbi muscolo-scheletrici


Tante persone convivono con dolori di tutti i tipi: fibromialgia, vari dolori del corpo, ecc., dovute a cause sconosciute. Qualsiasi altro tipo di dolore corporeo, diverso dagli incidenti sono causati da allergeni o sensibilità alimentari. Può darsi che alimenti piccanti, zucchero o cioccolato, mangiati quotidianamente causino i dolori scheletro-muscolari.

14. Cefalee e nevralgie craniche




Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam tincidunt lorem enim, eget fringilla turpis congue vitae. Phasellus aliquam nisi ut lorem vestibulum eleifend. Nulla ut arcu non nisi congue venenatis vitae ut ante. Nam iaculis sem nec ultrices dapibus. Phasellus eu ultrices turpis. Vivamus non mollis lacus, non ullamcorper nisl. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Phasellus sit amet scelerisque ipsum. Morbi nulla dolor, adipiscing non convallis rhoncus, ornare sed risus.

18. Allergie di stagione



Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam tincidunt lorem enim, eget fringilla turpis congue vitae. Phasellus aliquam nisi ut lorem vestibulum eleifend. Nulla ut arcu non nisi congue venenatis vitae ut ante. Nam iaculis sem nec ultrices dapibus. Phasellus eu ultrices turpis. Vivamus non mollis lacus, non ullamcorper nisl. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Phasellus sit amet scelerisque ipsum. Morbi nulla dolor, adipiscing non convallis rhoncus, ornare sed risus.
Sed adipiscing eget nibh at convallis. Curabitur eu gravida mauris, sit amet dictum metus. Sed a elementum arcu. 

11. Disturbi metabolici

Tante persone hanno problemi di metabolismo come: diabete, ipotiroidismo, ipertiroidismo, ecc. Sono di natura genetica? Oppure provengono dal consumo di allergeni alimentari, presenti negli alimenti tradizionali che abbiamo imparato a consumare dall’infanzia dai nostri parenti che hanno magari sofferto di malattie simili, come il diabete? Dobbiamo curare le allergie e cambiare stile di vita per tornare normali. 


Eczema, eritemi, eruzioni cutanee, prurito, acne, dermatiti, dermatiti atopiche, herpes, tutte queste sono dovute alle allergie. I problemi cutanei rispondono molto bene al trattamento NAET.

13.  Patologie cutanee 

17. Dipendenze



Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam tincidunt lorem enim, eget fringilla turpis congue vitae. Phasellus aliquam nisi ut lorem vestibulum eleifend. Nulla ut arcu non nisi congue venenatis vitae ut ante. Nam iaculis sem nec ultrices dapibus. Phasellus eu ultrices turpis. Vivamus non mollis lacus, non ullamcorper nisl. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Phasellus sit amet scelerisque ipsum. Morbi nulla dolor, adipiscing non convallis rhoncus, ornare sed risus.
Sed adipiscing eget nibh at convallis. Curabitur eu gravida mauris, sit amet dictum metus. Sed a elementum arcu. 

15. Stress emotivo


Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam tincidunt lorem enim, eget fringilla turpis congue vitae. Phasellus aliquam nisi ut lorem vestibulum eleifend. Nulla ut arcu non nisi congue venenatis vitae ut ante. Nam iaculis sem nec ultrices dapibus. Phasellus eu ultrices turpis. Vivamus non mollis lacus, non ullamcorper nisl. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Phasellus sit amet scelerisque ipsum. Morbi nulla dolor, adipiscing non convallis rhoncus, ornare sed risus.
Sed adipiscing eget nibh at convallis. Curabitur eu gravida mauris, sit amet dictum metus. Sed a elementum arcu. 

19. Intolleranze alimentari


Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam tincidunt lorem enim, eget fringilla turpis congue vitae. Phasellus aliquam nisi ut lorem vestibulum eleifend. Nulla ut arcu non nisi congue venenatis vitae ut ante. Nam iaculis sem nec ultrices dapibus. Phasellus eu ultrices turpis. Vivamus non mollis lacus, non ullamcorper nisl. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Phasellus sit amet scelerisque ipsum. Morbi nulla dolor, adipiscing non convallis rhoncus, ornare sed risus.
Sed adipiscing eget nibh at convallis. Curabitur eu gravida mauris, sit amet dictum metus. Sed a elementum arcu. 

20. Celiachia


Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Aliquam tincidunt lorem enim, eget fringilla turpis congue vitae. Phasellus aliquam nisi ut lorem vestibulum eleifend. Nulla ut arcu non nisi congue venenatis vitae ut ante. Nam iaculis sem nec ultrices dapibus. Phasellus eu ultrices turpis. Vivamus non mollis lacus, non ullamcorper nisl. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Phasellus sit amet scelerisque ipsum. Morbi nulla dolor, adipiscing non convallis rhoncus, ornare sed risus.
Sed adipiscing eget nibh at convallis. Curabitur eu gravida mauris, sit amet dictum metus. Sed a elementum arcu.